Argomenti: cosa sono le candele giapponesi - i pattern principali di inversione candlestick

Le candele giapponesi o candlestick furono inventate circa 300 anni fa (dai giapponesi appunto) come metodo per visualizzare in un colpo solo i 4 prezzi principali e quindi l'andamento della giornata stessa: apertura, chiusura, massimo e minimo. Hanno praticamente sostituito i grafici a barre, diffondendosi rapidamente come metodologia di visualizzazione dei prezzi. Le candele positive (il prezzo di chiusura è maggiore dell'apertura) sono visualizzate in bianco o in verde, a seconda di come si sceglie di visualizzarle e della piattaforma che si usa; quelle negative (il prezzo di chiusura è inferiore all'apertura) sono visualizzate in nero o in rosso. Va da sè che con 200 anni di studio alle spalle...

La singola candela in sè raccoglie tutte le informazioni della giornata e riflette la psicologia dei traders durante quella stessa giornata. Particolari formazioni di candele dette pattern assumo significati particolari per un possibile rialzo o ribasso. Non che le candele per come sono disegnate siano sicuramente un segnale, ma il loro insieme riflette il comportamento e quindi la psicologia del mercato in quel particolare momento. Non basta che si delinei un pattern ma lo stesso pattern deve verificarsi su determinati livelli di prezzo (supporti e resistenze). Succede spesso anche che un pattern di inversione sul supporto o sulla resistenza di un canale diventino pattern di continuazione. Imparando a leggere queste formazioni possiamo prevedere l'andamento futuro del prezzo. Un po' come per un musicista leggere uno spartito.

Ricordate: i prezzi sono risultato delle contrattazioni fatte da esseri umani, quindi sono frutto della psicologia umana e del "sentiment" degli investitori e come comportamento umano di massa certe formazioni grafiche tendono a ripetersi. Se in più ci mettiamo il fatto che tutti quando vedono queste formazioni tendono a fare la stessa cosa e ad interpretarle nella stessa maniera avremo spesso la stessa reazione. Ecco perché molti pattern funzionano.

Ma vediamo come si "costruisce" una candela.

In generale le candele si dividono in due grandi gruppi: le candele ad ampio range dove la forza del mercato è stata grande e le candele a basso range che denotano poca forza e indecisione del mercato.

Più in particolare ogni candela ha un suo proprio nome e un suo proprio significato. I pattern che si sviluppano possono essere a 1, 2 o più candele. Ci sono pattern di inversione e pattern di continuazione. Qui potete trovare la lista delle configurazioni conosciute, il loro nome e la loro implicazione. Ovviamente nulla è certo. Quindi non vuol dire che se si delinea una certa candela o pattern che ha un significato rialzista il giorno dopo si vada la rialzo. Dipende dal contesto e se si è su un supporto o su una resistenza.

Attenzione: perché un pattern di inversione sia considerato tale bisogna che ci sia un trend da invertire!!! Le candele devono essere considerate come segnali giornalieri per essere efficaci. Più diminuiamo il timing e minore è la loro affidabilità, anche se il loro significato non cambia. I pattern di inversione con candele giapponesi sono per un trading di breve termine (da 2 a 5 gg). E' importante inoltre sapere che i pattern di candele devono essere affiancati da altri segnali che confermano il trade, come segnali su oscillatori, medie mobili e configurazioni grafiche occidentali (testa-spalle, triangoli ecc.). In questo modo la loro efficacia è maggiore.

Pattern di inversione a 1 candela

L'hammer (martello) e l'hanging man (l'impiccato) sono i più conosciuti, si presentano di frequente e spesso anticipano una inversione... ma non sempre! Per spostare le probabilità nettamente a nostro favore devono verificarsi su supporti e resistenze. Potrebbero anche verificarsi in punti chiave ma l'azione che ne consegue potrebbe anche non essere una inversione. Ricordatevi che la certezza assoluta non esiste in borsa. Il colore del corpo è indifferente.
Spesso queste candele si verificano nel mezzo di movimenti ampi e diventano falsi segnali proprio perché non sono in zone particolari.
Gli opposti delle due appena prese in considerazione sono l'inverted hammer (martello rovesciato) e la shooting star (stella cadente), i quali statisticamente hanno più probabilità di anticipare le inversioni.

Altre candele che appaiono spesso e hanno significato di indecisione sono le doji. Possono assumere il significato di inversione se sono su supporti e resistenze.

Caratteristica delle doji è che il prezzo di apertura e di chiusura coincidono o sono molto molto vicini delineando una candela con corpo praticamente inesistente o quasi impercettibile. Le candele doji esprimono incertezza e di per se sono già un primo messaggio di allarme. Se una candela doji si trova alla fine di un trend il messaggio è "occhio! qui qualcosa potrebbe succedere e forse il trend ha perso forza". Se invece le troviamo in mezzo a un trend possiamo codificarle come una pausa di mercato (quindi un segnale di continuazione), o come un possibile ritracciamento in un trend.
Potete notare che la Gravestone Doji (pietra tombale) e la Dragonfly Doji (libellula) sono simili rispettivamente all'hanging man e all'hammer. Ma se compaiono alle fine di un trend danno un segnale un po' più forte dell'hammer e dell'hanging man.
La Long Legged Doji e la Doji sono candele di indecisione. Ma anche loro se compaiono alla fine di un trend assumono un possibile significato di inversione. Ovviamente si dovrà aspettare una conferma. Le doji compaiono molto spesso nei grafici.
Nel grafico seguente di sinistra la doji che si è formata (è sempre una doji anche se ha un corpo molto piccolo, chiamata anche spinning top), insieme alla candela precedente nera, forma un pattern a 2 candele molto ricorrente che si chiama harami e che vedremo più avanti.

Belt Hold. Anche queste candele se appaiono alla fine di un trend su un supporto o su una resistenza hanno significato di possibile inversione. Possono essere bullish (rialziste) o bearish (ribassiste). La belt hold deve avere il prezzo di apertura senza ombra. La belt hold rialzista apre sul minimo di giornata e la belt hold ribassista apre sul massimo.

Pattern di inversione a 2 candele

Engulfing. Il pattern engulfing nelle due versioni bullish e bearish è un pattern molto comune e ricorrente. Ovviamente, non mi stancherò di ripeterlo, devono verificarsi su zone di supporto o resistenza. La prima candela è nella direzione del trend e anche il suo colore riflette il trend in atto. La seconda invece deve essere del colore opposto e "abbracciare" completamente il corpo della prima. Se la seconda candela abbraccia anche le code della prima il segnale è più affidabile. Nella versione bullish apre più in basso della chiusura precedente, forma un nuovo minimo e poi inverte il trend chiudendo sopra l'apertura del giorno precedente. Nella versione bearish apre in gap up, forma un nuovo massimo e inverte il trend chiudendo sotto l'apertura del giorno prima. Sono ammesse anche versioni in cui il prezzo di apertura della seconda candela combacia con il prezzo di chiusura della prima e viceversa.

Una piccola divagazione personale: nella versione bearish il pattern engulfing genera anche un pattern di inversione noto come oops di Larry William. Larry William è ritenuto uno dei più grandi traders del mondo. Personalmente ho letto alcuni suoi libri e partecipato a suoi seminari... ma a dire il vero a me non ha insegnato molto... quindi in realtà il suo pattern oops! non è una sua invenzione ma è solo l'inizio dell'engulfing e del Dark Cloud Cover (altro pattern a 2 gg).

Harami.  Il pattern harami è (come l'engulfing) un pattern molto comune e ricorrente. La prima candela è nella direzione del trend e anche il suo colore riflette il trend in atto. La seconda invece deve essere del colore opposto e deve avere il range "rinchiuso" completamente nel corpo della prima. Può anche verificarsi che il colore sia uguale ma prenderebbe un altro nome. Se la seconda candela ha le ombre anch'esse rinchiuse nel range della candela precedente il segnale è più affidabile. L'affidabilità cambia anche in funzione di dove è posizionata la seconda candela del pattern: se è nella parte inferiore, mediana o superiore. In un bullish harami se la seconda candela è nella metà superiore della prima il segnale è più forte. Mentre nel bearish se la seconda candela è nella metà inferiore della prima il segnale è più affidabile. Nella versione bullish apre in gap up, forma un nuovo minimo e poi inverte il trend chiudendo sotto l'apertura della candela precedente. Nella versione bearish apre in gap down, forma un massimo che non supera il prezzo di chiusura della candela precedente e inverte il trend chiudendo sopra l'apertura del giorno prima. Sono ammesse variazioni con apertura e chiusura uguali o viceversa. Se la seconda candela è una doji il pattern si chiamerà harami cross.

Sarebbe sempre meglio aspettare una conferma con una terza candela che chiuda sotto l'apertura (per il bearish) o sopra l'apertura (per il bullish) della prima candela. Nell'immagine sopra la terza candela che fa da conferma all'harami forma un patter a 3 candele chiamato Three Inside Down (ribassista) e Three Inside Up (rialzista). In fase di consolidamento può essere interpretato come segnale di continuazione.

Piercing Line e Dark Cloud Cover. Per il piercing line (buca la linea) la prima è una candela ad ampio range che conferma la direzione negativa del trend. La seconda è una candela bianca (o verde) che apre in gap down al di sotto del minimo dalla precedente (minimo... non chiusura!), e chiude nella metà superiore della prima candela.
Per il dark cloud cover (cielo nuvoloso) è esattamente l'opposto. Anche qui si deve essere in presenza di un supporto per il primo e di una resistenza per il secondo pattern. Generalmente sono pattern affidabili ma aspettare una conferma con il prezzo che chiude al di sopra del massimo della prima candela per il piercing e al di sotto del minimo della prima candela per il dark è sempre meglio. Questi sarebbero punti ideali per entrare a mercato.

Questi sono solo alcuni dei tanti pattern, sono i più conosciuti e ricorrenti. Una cosa a cui bisogna sempre fare attenzione è la correlazione tra i pattern a 2 gg e quelli a 1 solo giorno. Unendo le 2 candele dei pattern a 2 giorni, ovvero disegnando una sola candela che comprende apertura della prima, chiusura della seconda, massimo e minimo dei 2 giorni, abbiamo ridotto a una sola candela il pattern... e quello che ne risulta ci dà ulteriori conferme. Un'immagine vale più di ogni altra cosa.

Da questa ultima immagine si deduce che il pattern Harami ha una correlazione molto ampia potendo generare da una gravestone doji a una candela ad ampio range, e quindi l'affidabilità del pattern è ridotta. Ecco perché è necessaria la conferma, più che in altri pattern.

Troverete questi ed altri pattern di continuazione e di inversione nel mio manuale Analisi candlestick edito da Trading Library.

Disclaimer - Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono in nessun modo sollecitazione all'investimento. Chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle informazioni riportate lo fa a proprio rischio, discrezione e responsabilità.

 
 Promozione

Grazie alla partnership con IG, con l'apertura di un conto minimo di 1000€ riceverai in omaggio uno dei miei indicatori pattern candlestick o volatilità per Prorealtime con licenza di 1 anno. Oppure, a scelta, puoi ricevere una copia del libro Mind Trading.